La proposta prevede la partecipazione di studenti a gruppi (massimo 4 componenti per gruppo), di insegnamenti diversi all’interno dello stesso Corso.

Ogni gruppo partecipa:
-apprendendo e producendo contenuti didattici tramite le tecniche di co-creazione (tipo PadLet) o di risorse educative (tramite wikieducator);
-confrontandosi con l’uso dei video e di podcast per la somministrazione di contenuti disciplinarmente fondati, come strumenti di analisi prima e di comunicazione all’esterno dopo;
-in sostanza, costruendo materiali didattici che possano essere fruibili e ampliabili (perché continuamente modificabili online) dagli studenti degli anni successivi o di altri corsi collegati.

L’idea si propone, tramite l’utilizzo di differenti risorse digitali, di:
– favorire l’integrazione fra: insegnamenti (discipline), modalità espressive (formati, strumenti), contenuti (teorici, applicativi, progettuali)
– rendere, al tempo stesso, direttamente fruibili a terzi informazioni e rappresentazioni di come il lavoro degli studenti si svolge, le materie trattate ecc., come materiale utile all’orientamento e alla promozione dei corsi di laurea.
In merito al primo punto, l’applicazione può essere, per tutta l’area riferibile all’ambiente costruito, la creazione responsabile da parte degli studenti di materiali che possano riguardare più corsi trasversalmente e adottare strumenti simili per contenuti dello stesso genere, anche se in discipline diverse.
Circa il secondo punto, contenuti e strumenti (wikis, video, podcast, giochi) possono essere utilizzati dall’ateneo per sponsorizzare i corsi di laurea, ma anche i suoi interventi (ristrutturazioni, investimenti, promozioni) che hanno a che fare con l’edilizia, l’efficientamento energetico, l’urbanistica, il restauro ecc.

Image Credit: pixabay.com